31 Utenti Online
Iscriviti alla newsletter

Tuttosteopatia.it è in rete con il sito francese e tedesco sull'osteopatia.
Non troverete la traduzione ma il collegamento al portale osteopathia-france.net e osteokompass.de

osteopathie france osteokompass
Carrello

Cerca

Blog

Archivio Post

Ultimi Post Inseriti

Post più letti

Ultimi Post Commentati

La scienza esalta l'olio extravergine d'oliva: intervista alla ricercatrice CNR Carla Ferreri

Martedì 9 Aprile 2013#08:33 | pubblicato da: Massimo Valente | 2 commenti

Che l'olio extravergine d’oliva sia un alimento importante per la nostra salute è un dato di fatto peraltro risaputo; ciò che è bene approfondire, sono le peculiarità specifiche di questo nutrimento prezioso, sia dal punto di vista prettamente nutrizionale che per le sue caratteristiche chimiche, che annoverano il nostro olio tra i migliori al mondo.

A spiegarci il valore intrinseco dell'olio extravergine d'oliva, offrendoci una visione più ampia dei benefici di questo alimento è la dott.ssa Carla Ferreri, studiosa di Lipidomica e primo Ricercatore presso l'ISOF-CNR nell'Area di Ricerca di Bologna, già dal 1990 collaboratrice, con il dott. Chatgilialoglu, nel campo dei radicali liberi.

La Lipidomica studia come noi utilizziamo i grassi, anche quelli dell'alimentazione, per vivere meglio. Per quanto riguarda l'olio d'oliva, “il suo principale componente – spiega la dott.ssa Ferreri in un'intervista esclusiva per Tuttosteopatia.it-  è l’acido oleico, un acido grasso mono insaturo contenuto almeno nel 70 per cento nell'olio d’oliva, che rende fluide le membrane cellulari ed ha un ottimo impatto col funzionamento del metabolismo in generale. Questo significa che le persone in sovrappeso o obese, possono fare affidamento sulle grandissime capacità che ha l’acido oleico di attivare meccanismi di smaltimento dei grassi”.

Tra le peculiarità dell'acido oleico quella di non ossidarsi facilmente, “per cui – chiarisce Ferreri – ci permette di avere un componente che ha tantissima attività cellulare, senza essere però a rischio di trasformazioni dovute per esempio alla presenza di stress o di uno stato ossidativo elevato”.

Gli antiossidanti contenuti nell'olio d'oliva sono una ulteriore proprietà di questo alimento che, utilizzato a crudo, conferisce qualità nutrizionali altamente indicate per la salute.

L'olio extravergine d'oliva è altresì l'unico olio che si presta alla cottura, in particolare alla frittura, innanzitutto perché non contiene acidi grassi saturi e poi perché non si ossida, cioè non subisce alterazioni a seguito della cottura.

Assolutamente da evitare, secondo la dott.ssa Carla Ferreri, è la cottura di olio di semi, soprattutto di mais, in quanto durante la frittura di questi oli si verifica il contatto dell’ossigeno con l’olio caldo che contiene grassi poli insaturi Omega 6, determinando così ossidazione. Praticamente l’olio di girasole inizia ad ossidarsi dopo pochi minuti in padella.

Sempre secondo lo studio della Lipidomica, anche l'olio di arachidi, alla stregua dell'olio di semi di girasole, è sconsigliato per la frittura, questa volta non per una questione di reazione chimica di ossidazione, ma per evitare di dare una quantità di grassi saturi al nostro organismo.

Dannoso per la salute è anche l'olio vegetale - generalmente olio di palma benché raramente le etichette di moltissimi prodotti industriali riportino l’origine di questi oli – che contiene grassi saturi.

“Ci sia augura che anche con la diffusione di queste notizie – puntualizza la dott.ssa Carla Ferreri – le aziende produttrici di alimenti confezionati inizino a cambiare il loro modo di scelta degli oli, e particolarmente dell’olio di palma, in favore di un'alimentazione che finalmente si dedichi al benessere delle persone, optando cioè per l’olio extravergine d’oliva”.

Consigliamo a coloro i quali volessero approfondire il tema il della Nutrilipidomica, ovvero lo studio delle formulazioni nutraceutiche o di cibi funzionali capaci di indirizzarsi alla membrana cellulare, di acquistare il nuovo libro Membrana cellulare e lipidomica. La salute dalla medicina molecolare scritto a quattro mani da Carla Ferreri e Chryssostomos Chatgilialoglu ed edito nel 2011 dal CNR-Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Il libro tratta specificatamente dei fosfolipidi, ed esegue l'analisi di questo compartimento cellulare dal punto di vista strutturale e metabolico per ciascun individuo. Si evidenziano così le connessioni tra membrana e nutrizione, mettendo in luce la possibilità di una strategia nutraceutica personalizzata, denominata Nutrilipidomica per il miglioramento della qualità della vita.

Dott.ssa. Carla Ferreri, 1° Ricercatore CNR-Fondatrice di Lipinutragen: clicca qui

Presto su Tuttosteopatia.it il video della lezione tenuta dalla dott.ssa Ferreri nell'ambito del II Meeting Scientifico della SEAM "Dal sapere prende corpo il benessere".

Prodotti Correlati



Presente in Alimentazione | Commenti (2) | Scrivi | Segnala ad un amico Invia ad un amico | Stampa
Tags: acidi grassicarla ferrerilipidomicaolio d'oliva

I vostri commenti (2 Commenti)

  • Scritto da: Paolo
    Data: 11 Aprile 2013 alle 14:39

    Articolo molto interressate! Anche io mi occupo di problematiche simili come la consulenza e formazione nel settore alimentare. Il mio sito e' il seguente: www.formazione-manuale-haccp.it ; se siete interessati sono disponibilie a collaborare.

  • Scritto da: Riccardo F.L.
    Data: 15 Aprile 2013 alle 12:24

    Gli studi scientifici in merito alle qualità nutraceutiche dell'olio extra vergine di oliva sono sempre più numerosi e ne confermano l'importanza in prevenzione e come coadiuvante in numerose patologie.
    http://www.latuaelaioteca.com/olio_e_salute_15.html

Scrivi un commento


scegli la scuola giusta per te

Di rado pensiamo a ciò che abbiamo, ma di continuo a ciò che ci manca.
Anonimo

NEWSLETTER

Tutte le novità, le promozioni, news, aggiornamenti nella tua casella e-mail

Promozioni in corso

Guarda tutte le offerte