28 Utenti Online
Iscriviti alla newsletter

Tuttosteopatia.it è in rete con il sito francese e tedesco sull'osteopatia.
Non troverete la traduzione ma il collegamento al portale osteopathia-france.net e osteokompass.de

osteopathie france osteokompass
Carrello

Cerca

Blog

Archivio Post

Ultimi Post Inseriti

Post più letti

Ultimi Post Commentati

Autismo: Linea Guida con i "paraocchi"

Venerdì 3 Febbraio 2012#11:21 | pubblicato da: Massimo Valente | un commento

Presentata lo scorso 26 gennaio a Roma, la nuova Linea Guida su "Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti" dell'Istituto superiore di Sanità ha già suscitato grandi perplessità presso la Comunità Scientifica e Clinica.
Punto fortemente contestato, l'esclusione di  tutti gli approcci che non siano cognitivo comportamentali per il trattamento dell'autismo. Già il 25 gennaio, in una conferenza stampa a Montecitorio dal titolo ‘Luci ed ombre sulle linee guida sull'autismo’, un gruppo di parlamentari bipartisan si era fatto carico di tutti i dubbi espressi dai diversi esperti su tale documento, richiedendo espressamente di: “aprire un tavolo di riflessione sulla linea guida sull'autismo affinché si sviluppi uno spazio di attenzione vero su questa patologia che non limiti il confronto scientifico alla sola letteratura americana o riduca gli approcci terapeutici al solo modello comportamentale”.

E' infatti questa la perplessità espressa dalla Comunità Scientifica e Clinica, tra cui il prof. Stefano Carta, associato di psicologia dinamica presso l'Università degli Studi di Cagliari (corriere.it) e l'Istituto di Ortofonologia di Roma da cui è partita la Richiesta di riapertura delle linee guida a firma del direttore IdO dott. Federico Bianchi di Castelbianco e della dott.ssa  Magda Di Renzo, direttrice Scuola Psicoterapia dell’Età Evolutiva ad Indirizzo Psicodinamico.

“Nella metodologia utilizzata dal panel – si legge nella nota diffusa dall'Istituto di Ortofonologia - sono stati presi in considerazione unicamente gli studi appartenenti all'ambito neo-comportamentale a favore del metodo ABA (Applaied Behaviour Analysis), soprattutto in Scozia e negli Stati Uniti, escludendo tutta la bibliografia riguardante approcci diversi sia delle stesse nazioni che di altre. Sono state, quindi, escluse tutte le esperienze cliniche italiane ed estere che si rivolgono all'individuo nella sua complessità e che utilizzano metodologie diverse per validare i propri studi. Da ciò deriva, ovviamente, il fatto che in ambito clinico si imporrà l'attuazione di una sola linea di trattamento senza possibilità di scelta né da parte del paziente, né dell'operatore”.

La nuova linea guida rischia di eclissare una serie di verità sull'autismo e sulla sua cura ampiamente documentate. Tra queste, anche l'Osteopatia che, per citare un caso italiano, da ben 4 anni è parte integrante del trattamento dei bambini con Disturbo Autistico proprio presso l'Istituto di Ortofonologia di Roma nell'ambito del "Progetto Tartaruga" (leggi l'articolo relativo su Tuttosteopatia.it) che riguarda ben 112 bambini con diagnosi di Autismo, sia lieve che grave sui quali, con ottimi risultati, l'osteopata Alessandro Laurenti pratica trattamenti osteopatici con un approccio terapeutico integrato e mirato.

La Linea Guida, dunque, con la sua posizione unilaterale, totalmente carente sia sul piano scientifico che su quello clinico, non appare adeguata ad affrontare un problema complesso come quello rappresentato dall'autismo e non tiene conto della pluralità che anima lo scenario culturale. Non tiene conto, per esempio, delle ricerche scientifiche in ambito immunologico e neurologico che dimostrano il legame tra vaccinazioni infantili e scatenamento della sindrome autistica.

Si rimanda a questo proposito, alla lettura dei seguenti libri:

Vi invito a leggere qui una lettera aperta di Aldo Russo, padre di un bambino autistico che denuncia l'approccio neuropsichaitrico esclusivo (autistici si nasce e non lo si diventa) sul cui filone si innesta tutta la neuropsichiatria infantile moderna e che culmina con l'applicazione di tecniche riabilitative tipo ABA, le uniche annoverate nella recente Linea Guida dell'Istituto superiore di Sanità oggetto di forti contraddizioni.
“L'approccio neuropsichiatrico – si legge nella lettera - non è in grado di spiegare le cause dell'insorgenza del problema: Marco (mio figlio) ha avuto uno sviluppo pressoché normale sino all'età di 12-18 mesi. Dopo ha cominciato a non comunicare più, a distogliere lo sguardo e fare giochi ripetitivi ed alienanti.... Così improvvisamente ci siamo trovati in questo vortice. Esiste un secondo approccio - spiega ancora il sig. Russo  -che è quello biomedico e che in Italia ha il suo paladino nel dott. Montinari dell'american Hospital di Roma. Ebbene, tale ipotesi individua nei vaccini la causa scatenante del problema: in pratica l'organismo del bambino ha una reazione autoimmune eccessiva e ciò causerebbe intossicazione da metalli pesanti, intolleranza a glutine e caseina". Questo papà racconta così la sua drammatica vicenda, specificando di aver effettuato "una serie di specifiche analisi in questa direzione sul piccolo Marco da cui è emerso (da un test molto specialistico eseguito in Francia) la presenza di alluminio, arsenico ed un valore molto alto delle caso morfine”.

Per tutto questo, secondo l'Istituto di Ortofonologia di Roma “è doveroso riaprire il dibattito sulle linee guida al fine di identificare l'intervento più proficuo in base alle potenzialità del singolo bambino e non agli strumenti dell'operatore".

Anche perché, visti i risultati ottenuti sin'ora, abbiamo ancora tanto da capire rispetto a questi "bambini eccezionali", e come sempre la verità non è mai univoca, ma composta da più verità.

Già nel 2001, Report, la trasmissione di approfondimento giornalistico di Rai 3, mandava in onda un servizio dal titolo emblematico "Vaccini al Mercurio". Possibile che nessuno l'abbia vista??

Approfondimenti e link utili alla pagina Vaccini di Tuttosteopatia.it

 



Presente in Intossicazioni | Commenti (1) | Scrivi | Segnala ad un amico Invia ad un amico | Stampa
Tags: autismolinea guidaVaccinazioni

I vostri commenti (Un Commento)

  • Scritto da: Emanuela Todesco
    Data: 16 Aprile 2012 alle 09:48

    Mi chiamo Emanuela ho 52 anni, sono mamma di Anna 11 anni, mia figlia è affetta da Agenesia del corpo calloso. La manifestazione si esprime in un ritardo psico motorio grave, tuttavia Anna cammina,va a scuola ed è ben inserita nel sociale.Dall'etò di 6 anni soffre di epilessia, con crisi che sono avvenute sempre nel sonno con la frequenza di 1 o 2 al mese.
    Stanca di....ipotesi di diagnosi,esami genetici,e propste terapeutiche che miravano ad....addestrare,allenare Anna,riempendola di stimoli e impressioni faticosissime,ho trovato prima nella Medicina Antroposofica nella persona del Dr.Remigio Cenzato,poi nell'Osteopatia a cura di Dolfato Mirella Osteopata di Castello di Godego TV, non tanto una delle tante già sperimentate....alternative, quanto la....soluzione.
    Nel senso che, fermo restando il valore e l'importanza dell'ambito scientifico,ivi compresa la Neuropsichiatria, Anna è seguita anche da un Neuropsichiatra che ha fatto però la formazione in Antroposofia,e la segue farmacologicamente.
    Anna esegue da due anni trattamenti osteopatici con frequenza quindicinale,i benefici sono stati importanti, chiari e ben visibili.E sono sempre in divenire.Si è alzata la soglia del dolore, Anna tremava ad ogni più piccolo stimolo che non riuscendo a....digerire e smaltire,s'incanalava inevitabilmente nella crisi convulsiva.E'migliorata nettamente la qualità del sonno,e noi tutti sappiamo quanto questo sia importante proprio e soprattutto in bambini particolarmente ipersensibili.E' quindi aumentata la capacità...digestiva, con tutto ciò di positivo che questo comporta.Lo stato d'animo dei genitori e di quanti seguono questi bambini non è sempre dei migliori,e si riflette in loro in modo molto ma molto più deciso rispetto ai coetanei "normali".
    Anna ha conquistato un equilibrio che era particolarmente minacciato.
    Non intendo rendere assoluta la mia esperienza, è appunto la....mia e quella di mia figlia. Intendo condividerla,con pacatezza e gioia. Saluti cari Emanuela Todesco.

Scrivi un commento


scegli la scuola giusta per te

Il maggior bene deriva dal più grande dolore e pena più profonda
A.T. Still

NEWSLETTER

Tutte le novità, le promozioni, news, aggiornamenti nella tua casella e-mail

Promozioni in corso

Guarda tutte le offerte