27 Utenti Online
Iscriviti alla newsletter

Tuttosteopatia.it è in rete con il sito francese e tedesco sull'osteopatia.
Non troverete la traduzione ma il collegamento al portale osteopathia-france.net e osteokompass.de

osteopathie france osteokompass
Carrello

Cerca

Blog

Archivio Post

Ultimi Post Inseriti

Post più letti

Ultimi Post Commentati

Lotus birth: nascere con la placenta

Martedì 22 Febbraio 2011#09:18 | pubblicato da: La Redazione | un commento

Basato sul concetto di unione placenta-bambino, il lotus birth è una procedura di nascita "naturale" in cui il cordone ombelicale non viene reciso e il neonato resta collegato alla sua placenta. Pochi giorni dopo la nascita (dai 2 ai 10, ma di media 3/4) il cordone si separa in modo naturale dall'ombelico del bambino.
Il distacco avviene quando entrambi, bambino e placenta, hanno realmente concluso il loro rapporto e decidono sia giunto il momento della separazione.

Jeannine Parvati Baker, ostetricia americana e attivista sulle questioni del parto non assistito, lo ha definito un "rituale del dopo-parto, dei primi giorni di intimo isolamento" progressivamente in perdita nella nostra cultura occidentale "che - dice - ha perduto in gran parte questi rituali importantissimi del dopo-parto e i nostri bambini mostrano segni di essere cresciuti troppo in fretta, spinti verso una fase di crescita successiva prima di essere essenzialmente pronti, con l'inquietudine e la dissociazione che tutto ciò comporta."

Perché è utile il lotus birth

II lotus birth rappresenta una buona scelta di modalità di nascita, utile anche a compensare quelle situazioni, in cui si è costretti ad anticipare la venuta al mondo del nascituro.

I bambini nati prematuri

Tale modalità può essere presa in considerazione in caso di neonati prematuri e/o forti prematuri, proprio in virtù del più graduale distacco del neonato dalla placenta, fonte del suo nutrimento, di una completa emotrasfusione placentare, di un passaggio meno traumatico ad un’attività cardiopolmonare e gastroenterica autonoma. Il lotus birth può prolungare l’unione del neonato con il tessuto anatomico placentare, che probabilmente più di altri ha trasmesso l’"impulso vitale" per l’intero periodo gestazionale.

L’"unità feto-placenta" prima e, in seguito, l’”unità neonato-placenta”possono rappresentare il trait d’union per la sincronizzazione e l’armonizzazione di tutte quelle frequenze necessarie per sostenere la vita e un buono stato di salute.

E' stato dimostrato che il taglio prematuro del cordone, così come avviene oggi, è un trauma per il bambino, dimostrato dal fatto che i coloro che nascono con il lotus birth, sono visibilmente sensibili al fatto che il cordone o la placenta vengano toccati. "Nel cordone - si legge nel libro di Shivam Rachana Lotus Birth: il parto integrale - dev'esserci ancora una forma percettiva".

 

 

Prodotti Correlati



Presente in Discipline Complementari, Parto Naturale | Commenti (1) | Scrivi | Segnala ad un amico Invia ad un amico | Stampa
Tags:

I vostri commenti (Un Commento)

  • Scritto da: Renetta Parido
    Data: 19 Luglio 2011 alle 10:39

    ottimo post

Scrivi un commento


scegli la scuola giusta per te

Non c’è nulla di immutabile, tranne l’esigenza di cambiare
Eraclito

NEWSLETTER

Tutte le novità, le promozioni, news, aggiornamenti nella tua casella e-mail

Promozioni in corso

Guarda tutte le offerte