27 Utenti Online
Iscriviti alla newsletter

Tuttosteopatia.it è in rete con il sito francese e tedesco sull'osteopatia.
Non troverete la traduzione ma il collegamento al portale osteopathia-france.net e osteokompass.de

osteopathie france osteokompass
Carrello

Cerca

Blog

Archivio Post

Ultimi Post Inseriti

Post più letti

Ultimi Post Commentati

Quando la salute dipende dall'impugnatura della penna

Venerdì 16 Dicembre 2011#16:15 | pubblicato da: Massimo Valente | 10 commenti

Reimpostare l'impugnatura della penna per prevenire problemi quali scoliosi, disfunzioni visive e anche problemi respiratori, dovuti per esempio alla flessione del busto in avanti o a lato mentre si scrive.

Ebbene si, impugnare la penna scorrettamente può causare danni per la salute e, se si pensa che quasi certamente questo atteggiamento di scrittura si acquisisce già da bambini con i primi scarabocchi, è agevole pensare che più alte sono le possibilità di avere problemi col tempo. L'impugnatura scorretta dovrebbe essere sempre trattata e risolta non solo quando questa dà origine ad una vera e propria disgrafia, ma anche quando questo disturbo non si manifesta.

Una cattiva impugnatura, infatti, si traduce inevitabilmente in una tensione muscolare a livello della mano e del polso, ma anche del braccio, della spalla, del collo, e questo accumulo di tensioni penalizza la fluidità del gesto grafico, rendendo più faticoso l'atto dello scrivere.

Dal punto di vista osteopatico, ci preme sottolineare infatti che un'impugnatura scorretta che copre la alla vista ciò che scriviamo, costringe lo scrivente a inclinarsi sulla sinistra o sulla destra se mancino, determinando una postura che impedisce al diaframma di muoversi secondo la sua fisiologia, con conseguenti adattamenti respiratori e un accentuarsi degli atteggiamenti scoliotici.

L'impugnatura scorretta della penna incide negativamente anche sulla vista. Un'inclinazione superiore a 20° rispetto alla perpendicolare ideale rischia di provocare una riduzione d'illuminazione maggiore del 12 per cento sull'occhio opposto alla mano di scrittura. Molto comune è scrivere ponendo le dita troppo in basso sulla penna, coprendo la punta. Questo modo di scrivere tende inevitabilmente a nascondere il testo sul foglio, obbligando una rotazione del quaderno a 90 gradi per riuscire a vedere.

Dopotutto è l’Associazione Europea Disgrafie a dichiarare nel documento Suggerimenti per una corretta Impugnatura, che non sempre questi “disturbi” di scrittura scompaiono durante ilciclo di studi nella scuola secondaria di secondo grado e, successivamente, all’università tanto che, si legge nel testo, “molti sono i docenti universitari che lamentano brutte calligrafie nei propristudenti e cestinano gli elaborati perché impossibilitati a decifrarne il contenuto”.

Il progetto PEAV (Proteggi Educa Allena la tua Vista), nato nel 1999 e promosso da ottici optometristi, ha evidenziato dall'esperienza dei laboratori alle medie, l'aumento di tendenze adattive visive-posturali scorrette che vanno a svantaggio di una corretta visione binoculare e di un veloce ed efficiente apprendimento: circa il 90 per cento dei ragazzi testati ha evidenziato prese scorrette della penna; solo il 9 per cento scriveva con un'impugnatura corretta, quasi il 60 per cento con l'impugnatura pollice in avanti.

La prensione corretta della penna, cosiddetta “a pinza”: la mano è piegata in semi-pronazione, la presa dello strumento è “a pinza”, tra pollice ed indice, mentre la prima falange del dito medio funge da appoggio per garantire un assetto regolare.
Anulare e mignolo, semipiegati, assicurano il contatto della mano con il foglio. Lo strumento grafico va impugnato a circa due dita dalla punta. La sedia ed il tavolo devono essere adatti alle dimensioni del bambino ed i piedi devono poter poggiare a terra. Circa due terzi dell'avambraccio devono poter poggiare sul tavolo.

Esempi di impugnature disfunzionali

Impugnatura a morso
Flessione verso il palmo di tutte le dita. Bisogno di aumentare il contatto per ridurre la tensione.

Impugnatura pollice in avanti
E' il tipo di prensione più diffusa (60%).

Impugnatura pollice interno
Il pollice è flesso a circa 3 cm dalla punta, chiuso all'interno del palmo dall'indice (a volte anche dal medio). La penna viene spinta contro la parte alta della prima falange dell'indice. Presa tipica di chi ha le dita lunghe o di chi è mancino e deve vedere.


Impugnatura troppo in punta (archetto da tensione)
In questo caso le dita coprono la punta della penna.

Impugnatura a più dita
Nella prensione, oltre al pollice e all'indice, sono coinvolte anche le altre dita. Spesso la pinza avviene tra pollice e medio. Lo strumento grafico si trova così avviluppato e nascosto tra le dita.


 



Presente in Consigli dell'osteopata | Commenti (10) | Scrivi | Segnala ad un amico Invia ad un amico | Stampa
Tags: cattiva posturaimpugnatura pennaproblemi visiviRespirazionescoliosi

I vostri commenti (10 Commenti)

  • Scritto da: Franco Giudicatti
    Data: 18 Gennaio 2012 alle 12:01

    finalmente ho trovato qualcuno che ha fatto le mie stesse considerazioni , ma purtroppo oggigiorno se qualche maestra cerca di correggere la presa istintiva del bambino corre grossi rischi da parte dei genitori ed da alcuni educatori che ritengono violenza correggere le cattive prese e che non bisogna turbare il cosidetto spontaneo istinto.
    Bisognerebbe comunque informare insegnanti ed educatori di tutti i veri problemi che il bimbo potrà avere durante il suo sviluppo framco

  • Scritto da: valentina
    Data: 31 Gennaio 2012 alle 17:29

    io impugno la penna come nell'ultima foto e ho 21 anni, non soffro di scoliosi però ho un problema ai muscoli del polpaccio e metto male un piede, cammino un po' storta.

  • Scritto da: franco
    Data: 1 Febbraio 2012 alle 15:54

    cara valentina già la tua impugnatura non copre totalmente la visione ma se noti comunque il foglio è di traverso e questo comunque stimola una postura scorretta della schiena del capo e attraverso le tensioni sulle catene muscolari e fasciali discendenti si potrebbero avere anche delle problematiche a distanza. comunque la cosa saggia è quella di farsi controllare da un bravo osteopata per risalire al l'origine del tuo problema e cercare di curarlo

  • Scritto da: Francesca
    Data: 1 Febbraio 2012 alle 16:23

    Ma un senso di stanchezza eccessiva e affaticamento della vista quindi può essere attribuito all'impugnatura sbagliata?

  • Scritto da: Roberta
    Data: 1 Febbraio 2012 alle 16:26

    incredibile..

  • Scritto da: Sara
    Data: 2 Luglio 2013 alle 18:30

    Salve. Io impugno la penna come nell'ultima immagine. Non so se ciò sia dovuto a un fattore genetico o a un meccanismo imitativo, in quanto anche mia mamma impugna la penna allo stesso modo. Tuttavia non ho mai avuto problemi di disgrafia, nè di disortografia; anzi, potrei dire di avere una scrittura abbastanza piacevole. Con la medesima impugnatura, tra l'altro, disegno a mano libera. Diversamente, quando adopero le squadrette, utilizzo l'impugnatura corretta. Devo comunque preoccuparmi? Aggiungo che riesco a scrivere abbastanza bene anche con l'impugnatura corretta, ma non mi viene naturale e mi stanco subito.
    Grazie.

  • Scritto da: Chiara
    Data: 28 Giugno 2014 alle 18:19

    Sono d'accordo ma come si può correggere una tensione scorretta? Può intervenire chiunque, lasciandosi guidare dal buon senso, o esistono dei corsi in merito? Mi intetessa perche' sono una logopedista e di impugnature anomale ne vedo tante ma come posso intervenire?
    Grazie.

  • Scritto da: Paolo
    Data: 29 Giugno 2014 alle 22:13

    Sono diverse le implicazioni legate alla prensilità alterata, si va da quelle visive a quelle muscolo scheletriche. Ogni aspetto va trattato a sè con competenza e sensibilità. Collaborando in forme di rialbilitazione dolce senza improvvisazioni.

  • Scritto da: Paolo
    Data: 1 Luglio 2014 alle 11:57

    Il professionista interessato e competente (non esistono corsi se non nell'ambito grafologico - riabilitazione del gesto grafico - con finalità un po' diverse)partecipa ad una valutazione globale.Come sempre partiamo da una fase di screening per la valutazione delle abilità di base, ognuno del suo. Poi decidiamo le priorità se riabilitare, potenziare o correggere.

  • Scritto da: Concetta Lepore
    Data: 27 Aprile 2015 alle 18:11

    ho avuto un confronto acceso con una ortottista che ha vinto il bando del mio istituto scolastico per effettuare prove di osservazione di segnali di rischio dsa/bes su bambini di 5 anni. Questa giovane bilaureata ha sostenuto che le osservazioni su bambini di questa età non sono predittive e che nella ultima consensus conference sia stato dichiarato che non esiste correlazione tra cattiva impugnatura e disturbi di apprendimento. Perchè invece la nostra osservazione decennale ha confermato scarsa qualità di vita scolastica nei primi anni di primaria per chi impugna male?

Scrivi un commento


scegli la scuola giusta per te

Ciascuno di noi è il custode di un cancello che può essere aperto solo dall'interno.
Marilyn Ferguson

NEWSLETTER

Tutte le novità, le promozioni, news, aggiornamenti nella tua casella e-mail

Promozioni in corso

Guarda tutte le offerte