24 Utenti Online
Iscriviti alla newsletter

Tuttosteopatia.it è in rete con il sito francese e tedesco sull'osteopatia.
Non troverete la traduzione ma il collegamento al portale osteopathia-france.net e osteokompass.de

osteopathie france osteokompass
Carrello

Cerca

Blog

Archivio Post

Ultimi Post Inseriti

Post più letti

Ultimi Post Commentati

DDL 3868: CPO in audizione alla Camera in XII commissione

Venerdì 14 Ottobre 2016#17:27 | pubblicato da: Adriana Quacquarelli | 2 commenti

Si è tenuta il 10 ottobre scorso davanti al Presidente XII commissione della Camera dei Deputati Mario Marazziti, l'audizione informale del Comitato Promotore per la Formazione delle Competenze dell'Osteopata (CPO) sull'esame del ddl 3868 - iniziato a settembre 2015 - alla presenza di Paola Sommaiuolo e Paolo Zavarella, rispettivamente vicepresidente e consigliere del CPO, da sempre impegnato a sostegno del processo di riconoscimento dell'osteopatia come professione e sotto il profilo della formazione, a fronte di “un  vuoto normativo presente da oltre trent'anni – spiega  Zavarella – che non aiuta le persone che scelgono di rivolgersi all'osteopatia cercando complementarietà e promozione della salute”.

Sono due i fattori su cui si è fatta luce in sede di audizione affinché il riconoscimento possa salvaguardare la professione di osteopata così come delineata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, e senza alcuna sovrapposizione a nessuna delle professioni attualmente presenti: da un lato la salvaguardia della formazione osteopatica e del profilo professionale dell'osteopata in linea con le linee guida OMS; dall'altro tutela degli osteopati già diplomati e di quelli in corso di formazione.

Entrambi i punti si rifanno al modello delineato dalle Benchmarks Oms pubblicate nel 2009, che riconosce il profilo professionale dell'osteopata “in un modello razionale di indagine e trattamento manuale orientato alla promozione della salute e alla valutazione e rilancio dei meccanismi intrinseci di autoguarigione e di adattamento omeostatico e allostatico presenti nel corpo”.

Quanto al secondo argomento di discussione, il CPO ha indugiato sulla necessità di tutelare con una norma transitoria adeguata alla sanatoria diretta o un percorso proporzionato alla riqualificazione del titolo, gli osteopati già diplomati e di quelli in corso di formazione “tenendo conto – chiosa Zavarella in corso di audizione – che la maggior parte di questi non è in possesso di laurea sanitaria pregressa, essendosi formato nelle scuole qualificate nazionali o internazionali che adottano il modello “tipe 1” definito dall'OMS, ossia l'ordinamento tempo pieno”.



Presente in Osteopatia, Riconoscimento dell'Osteopatia | Commenti (2) | Scrivi | Segnala ad un amico Invia ad un amico | Stampa
Tags:

I vostri commenti (2 Commenti)

  • Scritto da: Fausto Le Piane
    Data: 9 Novembre 2016 alle 21:17

    Son veramente contento che il riconoscimento stia prendendo la piega giusta.devo dire che da 16 anni nel mio piccolo mi do da fare anch'io per far compiere questo salto dí qualità all'osteopatia .speriamo che questa sia la volta buona e che i nostri detrattori non buttino ancora un'altra volta tutto all'aria
    P.S. Non ricevo da tanto tempo notizie da Tuttosteopatia . Potete tenermi aggiornato come una volta? Grazie
    Fausto Le Piane Osteopata D.O.

Scrivi un commento


scegli la scuola giusta per te

L'Osteopatia è arrivata per rimanere senza limiti di tempo
A.T. Still

NEWSLETTER

Tutte le novità, le promozioni, news, aggiornamenti nella tua casella e-mail

Promozioni in corso

Guarda tutte le offerte