29 Utenti Online
Iscriviti alla newsletter

Tuttosteopatia.it è in rete con il sito francese e tedesco sull'osteopatia.
Non troverete la traduzione ma il collegamento al portale osteopathia-france.net e osteokompass.de

osteopathie france osteokompass
Carrello

Cerca

Blog

Archivio Post

Ultimi Post Inseriti

Post più letti

Ultimi Post Commentati

La storia dell'osteopatia: fine Ottocento a Kirksville

Lunedì 19 Gennaio 2015#15:09 | pubblicato da: Silvia Clara Tuscano | nessun commento

di Silvia Clara Tuscano. Traduttrice editoriale.
Docente IEMO

Se domani vi capitasse di poter usare una macchina del tempo, che cosa fareste? Personalmente credo che imposterei le coordinate su Kirksville, nell'anno 1899. Una volta arrivata, probabilmente nessuno farebbe caso a me. Troverei infatti la cittadina del Missouri, da sette anni sede dell'American School of Osteopathy (ASO), immersa in un costante fervore di attività; i suoi diecimila abitanti vivono in un relativo benessere grazie all'interminabile afflusso di pazienti, studenti, giornalisti e curiosi ai quali offrono non solo vitto e alloggio ma anche occasioni culturali e di svago.

Prima di tutto cercherei di scovare l'ormai settantenne Andrew Taylor Still, ideatore della nuova disciplina dell'osteopatia e fondatore della scuola: se non lo vedessi a passeggio nei boschi già prima dell’alba oppure seduto da qualche parte a intagliare il suo bastone, proverei a cercarlo nei corridoi della scuola. Di certo non vorrei perdermi le sue conferenze settimanali presso il Memorial Hall: sarei emozionata nel vedere che finalmente, dopo i difficili e lunghi anni di ostracismo, è diventato un personaggio amato e riverito da tutti, tanto da essere affettuosamente soprannominato Vecchio Dottore.

Aggirandomi per i corridoi della scuola potrei avere l'occasione di incontrare una matricola dell'anno precedente, il riservato e riflessivo William Garner Sutherland. Un giorno, assorto nella contemplazione delle ossa di un cranio disarticolato esposto in una bacheca, questo studente del secondo anno sarebbe stato folgorato da un'idea: nella sutura tra lo sfenoide e il temporale, le ossa sono smussate come le branchie di un pesce e sembrano predisposte per il movimento. Un tale pensiero, contrario agli insegnamenti dell’anatomia occidentale ottocentesca, non gli avrebbe dato requie negli anni a venire, inducendolo a volerne dimostrare l'infondatezza. Dopo decenni di studi solitari e con la certezza di avere ragione, nel 1939 avrebbe pubblicato il primo libro di osteopatia craniale, intitolato The Cranial Bowl.

Durante la mia gita a Kirksville, tuttavia, nulla potrei venire a sapere di questi sviluppi appartenenti a un futuro ancora lontano.   Invece, spinta dalla curiosità, andrei a cercare John Martin Littlejohn. Questo dotto studioso di origini scozzesi, classe 1865 e formazione europea in teologia, lingue classiche, diritto e medicina, l'anno precedente si era iscritto al corso di studio in osteopatia e contemporaneamente era stato nominato professore di fisiologia e decano della scuola. Era giunto a Kirksville per la prima volta come paziente nel 1897 e grazie alle cure del dottor Still aveva ottenuto la guarigione tanto rapida quanto insperata di un’affezione alla gola di cui soffriva fin dalla giovinezza.
John Martin Littlejohn non era l'unico membro del corpo docente dell'American School of Osteopathy che possedesse una formazione accademica tradizionale europea: quell'anno vi appartenevano anche William Smith, il noto professore di anatomia del primo corso tenuto nel 1892, e due fratelli minori di John Martin Littlejohn: James Buchanan e David.

Come insegnanti, erano convinti della necessità di migliorare i criteri formativi della scuola e interpretavano l'osteopatia come una nuova scienza medica che doveva comprendere tutte le discipline di base, ad eccezione della farmacologia. Grazie all'entusiasmo e alla dedizione di questa parte dei professori, l'anno precedente l'istituto di Andrew Taylor Still non solo si era dotato di un dipartimento di radiologia, diretto da David Littlejohn dopo l'acquisto di una delle prime apparecchiature a raggi X, ma aveva anche inaugurato l'A.T Still Surgical Sanitarium, un ospedale dedicato agli interventi chirurgici, eseguiti sotto la direzione di William Smith e di James Buchanan Littlejohn.

Passeggiando per Kirksville non potrei fare a meno di notare un'imponente cupola bianca, posta a coronamento di un edificio in mattoni a tre piani, sede da nemmeno due anni della Columbian School of Osteopathy. Questa scuola era stata fondata da Marcus Ward, uno dei partecipanti al primo corso dell'ASO del 1892, che aveva poi abbandonato Kirksville e aveva conseguito una laurea in omeopatia e un'altra in medicina tradizionale. Ritornato nel 1897, millantava di essere l'unico vero scopritore dell'osteopatia: le sue menzogne non gli avrebbero però procurato fama e gloria, infatti la scuola chiuse i battenti già l'anno successivo. Ciò che più infastidiva il Vecchio Dottore era il fatto che la Columbian School of Osteopathy conferisse ai suoi laureati sia il titolo di dottore in osteopatia che quello in medicina ortodossa. Proprio le diverse opinioni su quale dovesse essere il rapporto o la commistione tra la nuova disciplina osteopatica e la medicina tradizionale avrebbero dato origine agli avvenimenti che ebbero luogo nel 1899 e che si rivelarono decisivi per il successivo sviluppo dell'osteopatia negli Stati Uniti.
Già nell'autunno di quell'anno infatti A.T. Still, che non vedeva di buon occhio la tendenza di allineare l'American School of Osteopathy con la medicina ufficiale, chiese ad Arthur Hildreth, uno degli osteopati ‘puri’ che avevano seguito il primo corso del 1892, di ritornare a Kirksville per sostituire John Martin Littlejohn nella carica di decano.

In nome della grande ammirazione e amicizia che nutriva per il Vecchio Dottore, Arthur Hildreth accettò la nomina e cominciò a favorire un indirizzo maggiormente osteopatico.
Il 23 novembre William Smith e i tre fratelli Littlejohn firmarono una lettera in cui invitavano il consiglio direttivo a estromettere il nuovo decano: consideravano lesivo per la loro reputazione l'essere inquadrati come insegnanti al suo stesso grado, inoltre ritenevano il suo incarico pregiudizievole per la scuola. Le divergenze tra la parte più ‘osteopatica’ e quella più ‘medica’ dei docenti si sarebbero rivelate insanabili.

Entro la fine dell'anno la frattura si consumò: William Smith partì immediatamente, mentre i Littlejohn decisero di rimanere fino al giugno dell'anno successivo per tener fede agli impegni di docenza.

Fu così che nel 1900 A.T. Still sembrava essere riuscito nell'intento di riportare la scuola di Kirksville all'impostazione originale. Nel mese di giugno, mentre William Garner Sutherland veniva proclamato dottore in osteopatia, i tre fratelli Littlejohn fondavano una nuova scuola a Chicago, che chiamarono inizialmente American College of Osteopathic Medicine and Surgery.

Leggi anche



Presente in Osteopatia, senza categoria, Storia dell'Osteopatia | Commenti (0) | Scrivi | Segnala ad un amico Invia ad un amico | Stampa
Tags: kirksvilleLittlejohnosteopatiaStillstoriaSutherland

Scrivi un commento


scegli la scuola giusta per te

Analizzando e valutando ogni giorno tutte le idee, ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza.
Albert Einstein

NEWSLETTER

Tutte le novità, le promozioni, news, aggiornamenti nella tua casella e-mail

Promozioni in corso

Guarda tutte le offerte