12 Utenti Online
Iscriviti alla newsletter

Tuttosteopatia.it è in rete con il sito francese e tedesco sull'osteopatia.
Non troverete la traduzione ma il collegamento al portale osteopathia-france.net e osteokompass.de

osteopathie france osteokompass
Carrello

Cerca

Blog

Archivio Post

Ultimi Post Inseriti

Post più letti

Ultimi Post Commentati

Biberon e ciucci alleati delle mamme. Nemici dei bambini

Martedì 26 Ottobre 2010#10:14 | pubblicato da: La Redazione | 6 commenti

Considerato quasi “vitale” da molte mamme, “da usare al massimo sino a due anni” secondo altri, è anche “inutile” a parere di chi, per esperienza con i propri figli, ha fatto a meno del ciuccio senza alcuna difficoltà. Pratico alleato della mamma, che lo utilizza come rimedio per tranquillizzare il bambino quando non può consolarlo in altro modo, la suzione prolungata del ciuccio e anche del biberon, per motivi diversi, può causare problemi.
E se da un lato c’è chi lo considera un oggetto di cui si può fare a meno, per altri più problematico del ciuccio è da considerarsi il biberon. E’ il parere del dott. Stefano Colasanto, odontoiatra, specialista in Ortognatodonzia ed osteopata che, oltre a consigliare ciucci morbidi, in silicone e differenziati a seconda che il bambino sia nato prematuro o a termine, individua proprio nel biberon gli effetti peggiori della suzione. “La tettarella del biberon – precisa infatti il dott. Colasanto – oltre ad essere più lunga e più dura rispetto al capezzolo materno, consente un flusso maggiore di latte con rischi di cattiva deglutizione causata dal fatto che la tettarella induce ad una posizione scorretta della lingua in avanti, piuttosto che in alto. Senza considerare che – rincara Colasanto - al contrario del latte materno, quello vaccino non viene parzialmente assimilato e digerito già prima di raggiungere lo stomaco del bambino”.

Non è la suzione del dito la causa del palato stretto

Da sfatare è poi il mito della suzione del dito da parte dei bambini come causa del restringimento del palato. “E’ un atteggiamento tipico dei più piccoli – ci dice ancora il dott. Stefano Colasanto – ed indica che il palato in estensione di fronte al quale il bambino cerca di creare una flessione attraverso i due mascellari”.
Conforme sull’argomento il parere dell’osteopata Francesca Faliva che, sul tema ciuccio e tettarelle, esordisce definendoli una vera e propria “truffa” a scapito dei bebè, responsabili di innescare un meccanismo che “intercetta la suzione”.
“E’ solo un espediente per consolare il bambino – chiosa Faliva – che se allattato al seno non ha bisogno di tettarelle e, anzi, le respinge”. Biberon e ciucci quindi possono essere alla base di fenomeni come la respirazione invertita (posizione della lingua in avanti e non verso l’alto come dovrebbe essere) e, laddove ci fossero casi di restringimento del palato, non aiuterebbero di certo la condizione . “E’ un luogo comune – chiarisce infatti la dott.ssa Faliva - quello che addita la suzione del dito come causa del restringimento del palato che, in molti casi, è un fenomeno preesistente e congenito ma che l’utilizzo del ciuccio di certo non facilita. In questi casi  - continua – esiste già una contrazione che il bambino cerca di aiutare utilizzando il dito”.
Nello specifico si tratta di un impulso esercitato dal pollice verso il palato laddove dovrebbe esserci la lingua: “è come se fosse una risposta dell’organismo in una fase di estensione del cranio – puntualizza il dott. Colasanto – e il biberon o le tettarelle, ostacolando il massaggio della lingua sul palato in fase di deglutizione, facilitano l’istinto di suzione del dito da parte dei bambini”.
Il risultato a lungo andare può essere un avanzamento dell'arcata superiore e/o una concentrazione dei denti sull'arcata. Inoltre la posizione errata della lingua durante la deglutizione oltre a comportare la mancata distensione del palato può creare problemi di crescita dei denti, problemi posturali e di scorretta respirazione. E' chiaro però che ogni bambino risponde diversamente.

L’Osteopatia aiuta perché lavora sulla mobilità del cranio attraverso il trattamento cranio sacrale.

 



Presente in Odontoiatria, Osteopatia e pediatria, Pediatria | Commenti (6) | Scrivi | Segnala ad un amico Invia ad un amico | Stampa
Tags:

I vostri commenti (6 Commenti)

  • Scritto da: Giusva Gregori
    Data: 27 Ottobre 2010 alle 11:48

    Altra considerazione......non si deve scrivere perforza qualcosa di tanto in tanto....perchè ogni cosa fa male e ogni cosa fa bene e basta con questi assurdi consigli.....fa bene cio che serve al momento e fa bene cio che è utile per quel bambino e per quella famiglia.

  • Scritto da: Alessia Beltramme D. O.
    Data: 27 Ottobre 2010 alle 20:19

    Gentile sig. Ra giusva Gregori,
    capisco la sua puntualizzazione perche prima Di essere un Osteopata sono una Mamma. Quello Che però I colleghi volevano fornire era semplicemente una spiegazione Chiara e fisiologica Di quello Che potrebbe succedere come conseguenza delle nostre azioni. Come osteopati ci interessa promuovere la corretta informazione a beneficio, in
    questo caso, dei bambini. Solo su
    questo presupposto credo si possa parlare Di " cosa giusta al momento giusto".
    La ringrazio Alessia Beltramme D.O.

  • Scritto da: Giuseppe Rochira
    Data: 28 Ottobre 2010 alle 20:26

    Salve mi chiamo giuseppe rochira e sono un osteopata che si occupa molto di bambini e collaboro con numerosi ortodontisti.
    Concordo con le affermazioni riguardanti il ciuccio e il biberon.
    Dissento invece fortemente sul parere che il dito in bocca non causa un palato stretto o, più che stretto, direi deformato. Ovviamente questa abitudine deve protrarsi per più di due-tre anni per causare danni concreti. I bambini poi che hanno questa abitudine sono spesso bambini che potrebbero attraversare periodi particolari per vari motivi. Il ripristino della flessione craniale attraverso la suzione-pressione del dito è una sofisticazione che ho già sentito in alcuni corsi. credo che NON SI POSSA SPIEGARE TUTTO FACENDO UN RAGIONAMENTO IN CHIAVE OSTEOPATICA!!
    Grazie

  • Scritto da: Giuseppe Garofalo
    Data: 30 Ottobre 2010 alle 15:21

    Certo che è un mito da sfatare il dito in bocca, ne è la dimostrazione anche il bruxismo: si stringono i denti per normalizzare le tensioni craniali.
    Come al solito il corpo cerca istintivamente di guarirsi...
    Beppe

  • Scritto da: Francesca
    Data: 5 Marzo 2013 alle 11:52

    ho letto l'articolo ma mi sono rimasti i dubbi...ho un primo figlio con problemi da palato stretto (però già congenito secondo me)/respirazione errata etc a cui avevo dato ciuccio usato a lungo. seconda figlia allattata a lungo e no ciuccio ma palato più largo già congenito; ora terzo figlio età un anno, ancora allattato, palato stretto congenito, NO ciuccio! ma si ciuccia il dito parecchio!!! devo cercare di togliergli questa abitudine entro una certa età o no???? grazie!!!!

  • Scritto da: alessia
    Data: 9 Febbraio 2016 alle 10:53

    Mia figlia ha 3 mesi e il ciuccio lo usa, qualcuna di voi ha mai comprato qui? http://www.ciucciomania.com/ sono bellissimi e con diverse tettarelle, ma non ho mai comprato su internet e non so come funziona

Scrivi un commento


scegli la scuola giusta per te

Ne uccide più la gola della spada
Seneca

NEWSLETTER

Tutte le novità, le promozioni, news, aggiornamenti nella tua casella e-mail

Promozioni in corso

Guarda tutte le offerte