16 Utenti Online
Iscriviti alla newsletter

Tuttosteopatia.it è in rete con il sito francese e tedesco sull'osteopatia.
Non troverete la traduzione ma il collegamento al portale osteopathia-france.net e osteokompass.de

osteopathie france osteokompass
Carrello

Cerca

Blog

Archivio Post

Ultimi Post Inseriti

Post più letti

Ultimi Post Commentati

Osteopati ed esercizio della professione, facciamo chiarezza

Giovedì 18 Febbraio 2016#15:48 | pubblicato da: La Redazione | 5 commenti

Esiste un unico timore che accomuna gli osteopati: “Abusivo esercizio della professione sanitaria”.
Un timore assolutamente comprensibile poiché secondo l’articolo 348 del Codice penale, chiunque eserciti abusivamente una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa da 103 euro a 516 euro.

È bene chiarire subito che non è il caso dell’osteopata. A spiegarlo è il dott. In Legge Alfonso Causi della scuola di osteopatia ATSAI di Bari, il quale in un chiarissimo documento dal titolo “La responsabilità penale dell’osteopata ex art. 348 CP” scrive riprendendo all'uopo un passaggio della legge in questione: “NON COMMETTE ASSOLUTAMENTE REATO l’osteopata nell'esercizio della sua professione. Nell'attuale disinteresse da parte del legislatore, nessuna speciale abilitazione è richiesta per la professione di osteopata che, dunque, può essere esercitata liberamente”.
In realtà, commette reato solo colui che esercita una professione per la quale sia richiesta una speciale abilitazione dello Stato senza però averla ottenuta. Solo in questo caso, una professione può essere considerata abusiva poiché viene esercitata in mancanza dei requisiti richiesti dalla legge, come il mancato conseguimento del titolo di studio o il mancato superamento dell’esame di Stato.
La tutela alla professione di osteopata deriva direttamente dalla Costituzione, chiarisce Causi. È infatti l’art. 35 a recitare inequivocabilmente: “La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme e applicazioni”, concetto rafforzato dall'art. 41 secondo cui “L’iniziativa economica privata è libera”.
La cosa più importante per questa professione è non apparire altro: l’osteopata non deve mai spacciarsi per un medico. L’analisi osteopatica ha per oggetto il solo paziente e l’individuazione degli schemi posturali da lui adottati e deve essere completamente scissa da quella medica. Quest’ultima costituisce il punto di partenza per le valutazioni dell’osteopata, il quale raccoglie tutti gli elementi indispensabili per comprendere l’intervento riequilibratore più adatto al paziente per eliminare quella patologia.

Cosa l'osteopata non può fare

La corte di Cassazione ha stabilito che l’osteopata, a differenza del medico, non ha il compito di individuare la malattia, di diagnosticarla, di prescrivere la cura e di somministrare i rimedi. Queste attività (anamnesi, diagnosi, terapia e rilascio di certificati) devono essere necessariamente svolte solo dai medici.
L’attività osteopatica non può e non deve sostituire quella medica, ma deve essere complementare ad essa ed avere delle finalità e delle metodologie proprie.

È giusto parlare di abilitazione in osteopatia?

Stando al tribunale amministrativo regionale della Lombardia, vista la mancata istituzione di un albo degli abilitanti, non esiste alcun titolo abilitativo, quindi non è assolutamente legittimo affermare che per l’esercizio dell’attività di osteopatia è necessario il possesso dell’abilitazione all'esercizio della professione. Ciò viene confermato anche dal T.A.R del Veneto, secondo cui non è necessario avere delle autorizzazioni sanitarie per svolgere l’attività di osteopata.
Esistono infatti pochissimi precedenti di giudizi nei confronti di osteopati e tutti sono stati di ASSOLUZIONE, in quanto non sussistono motivi reali per ritenere l’attività osteopatica una professione abusiva.
Ne consegue che l’osteopatia è un’iniziativa economica privata e in quanto tale è libera, come si evince dall'articolo 41 della Costituzione e deve essere tutelata in tutte le sue forme e applicazioni come tutte le tipologie di lavoro (art.35 della Costituzione).
Alla luce di questa analisi risulta del tutto infondato il timore degli osteopati di esercitare la professione in modo abusivo.

Maggiori informazioni nel documento integrale prodotto da Alfonso Causi.

Approfondimenti



Presente in Osteopatia, Riconoscimento dell'Osteopatia | Commenti (5) | Scrivi | Segnala ad un amico Invia ad un amico | Stampa
Tags:

I vostri commenti (5 Commenti)

  • Scritto da: Giusva Gregori
    Data: 18 Febbraio 2016 alle 22:05

    FINALMENTE LA CHIAREZZA TANTO CERCATA E' ARRIVATA. NON È SANITARIA. MA LA COSA ANCOR PIU' CHIARA È CHE NON ESISTE NESSUN REGISTRO QUALIFICANTE.
    È UN INIZIATIVA ECONOMICA PRIVATA E IN QUANTO TALE LIBERA. RIPETO LIBERA LIBERA LIBERA. I VERI OSTEOPATI SONO TUTTI QUELLI CHE SI FORMANO SECONO LE LINEE CONSIGLIATE DALL' OMS E NON CHI SI QUALIFICA DIETRO A UN LOGO O "BRAND"

  • Scritto da: Pietro
    Data: 20 Febbraio 2016 alle 16:41

    Egr. avvocato purtroppo Le devo dire che così non è se arrivano i NAS all interno di uno studio e ti trovano con le mani su di un paziente senza che tu abbia un titolo abilitante ad una professione sanitaria, ti denunciano per abuso di professione sanitaria in quanto per poter mettere le mani su di un paziente o cliente il professionista deve essere abilitato e quindi autorizzato altra cosa e' "visitare" un paziente nella propria abitazione o un luogo in cui non si è soggetti a controlli ( purtroppo) anche questo succede; quindi stiamo attenti ad "abilitare" quanti non lo potrebbero essere non perché lo dico io ma perché lo dice la legge e non è altrettanto vero che in Italia per il solo fatto che vi sia una "vacatio" il tutto è' possibile e legittimato!! L'appello che faccio a tutti i colleghi e quello di adottare sempre ed ovunque BUON SENSO!!! Dico ciò perché ci sono passato già per fortuna avevo già conseguito altri due titoli sanitari altrimenti i NAS mi avrebbero chiuso lo studio!! Buon lavoro a tutti e incrociamo le dita per il riconoscimento.

  • Scritto da: Carla
    Data: 20 Febbraio 2016 alle 21:47

    Forse anche i fisioterapisti dovrebbero adeguarsi alle norme europee... 4 anni di universita'...

  • Scritto da: Nicola
    Data: 11 Marzo 2016 alle 14:23

    Gli Osteopati non sono riconosciuti come professionisti sanitari eppure manipolano e danno consigli su integratori, ginnastica posturale e terapie da eseguire (come successo a me e tanti miei amici).
    Andate da un osteopata e chiedetegli la fattura e vi dirà che non potete scaricate nemmeno la sua prestazione in quanto NON SANITARIA.

  • Scritto da: Carla
    Data: 11 Marzo 2016 alle 22:06

    Se non e' riconosciuta come professione sanitaria (adesso) ovvio che non si puo' scaricare la fattura??!!!

Scrivi un commento


scegli la scuola giusta per te

Chi prega è santo, ma è più santo chi fa.
Giovanni Pascoli

NEWSLETTER

Tutte le novità, le promozioni, news, aggiornamenti nella tua casella e-mail

Promozioni in corso

Guarda tutte le offerte