29 Utenti Online
Iscriviti alla newsletter

Tuttosteopatia.it è in rete con il sito francese e tedesco sull'osteopatia.
Non troverete la traduzione ma il collegamento al portale osteopathia-france.net e osteokompass.de

osteopathie france osteokompass
Carrello

Cerca

Blog

Archivio Post

Ultimi Post Inseriti

Post più letti

Ultimi Post Commentati

Scrocchiare le dita non fa male, le ossa non c'entrano

Venerdì 8 Maggio 2015#13:46 | pubblicato da: Massimo Valente | 3 commenti

“Scrocchiare le dita fa male”. Questo ammonimento così frequente, che tante volte ci siamo sentiti ripetere, sembra però essere infondato. A stabilirlo, una recente ricerca dal titolo Pull My Finger ("tira il mio dito") pubblicata sulla rivista americana PLOS One.
Gli autori, tra cui Gregory N. Kawchuk del dipartimento di Fisioterapia, Facoltà di Medicina Riabilitativa, dell'Università canadese di Alberta, hanno dimostrato con una risonanza magnetica eseguita sulle mani del chiropratico Jerome Fryer, quello che succede scrocchiandosi le dita.

La risonanza ha mostrato un flash appena percettibile nel momento in cui le dita di Fryer venivano scrocchiate, appena prima del crack.

Stando alle conclusioni di Kawchuk, a causare il “crack” delle dita è l'accumulo di gas che talvolta si forma nel liquido sinoviale che lubrifica le articolazioni. Lo scrocchiare delle articolazioni è quindi dovuto all'esplosione di queste bolle di gas e non avrebbe nulla a che fare con le ossa, come comunemente si pensa.
Più precisamente la ricerca guidata dal dottor Kawchuk chiarisce che quando le articolazioni muscolari si allontanano, non c'è più fluido a disposizione creando così degli spazi vuoti nei punti di giuntura che devono essere colmati, così si forma una piccola bolla di gas nell'intercapedine vuota, che nel momento in cui scoppia, dà origine al crack tipico dello scrocchio.

In conclusione il cracking delle articolazioni non ha mostrato di aumentare la degenerazione articolare.

Del tema si è occupato in passato anche un medico californiano, Donald Unger, che si prestò egli stesso ad una sperimentazione durata ben sessant'anni - che gli è valsa l'Ig Nobel nel 2009 (qui la notizia su livescience.com) - in cui ha scrocchiato le dita di una mano sola. Raffrontando gli effetti sulle mani, Unger ha concluso che scrocchiare le dita non ha nessuna incidenza e non aumenta i rischi di sviluppare artriti.



Presente in Osteopatia, Varie sull'Osteopatia | Commenti (3) | Scrivi | Segnala ad un amico Invia ad un amico | Stampa
Tags:

I vostri commenti (3 Commenti)

  • Scritto da: alberto
    Data: 12 Maggio 2015 alle 15:29

    notizia vecchia già letta su periodico specialistico 10 anni fa

  • Scritto da: Enrico Gaddoni
    Data: 13 Maggio 2015 alle 13:54

    personalmente sapevo che si trattava dell' esplosione non come si formano le bolle di gas.

  • Scritto da: Enrico Gaddoni
    Data: 13 Maggio 2015 alle 14:07

    Non è detto che non faccia male, si può sentire la "scrocchiata" come non la si può sentire, ma se non si rispettano i corretti binari di scorrimento articolare e la giusta messa in tensione per trovare la barriera motrice, la cartilagine a lungo andare si può consumare. E questo vale ovunque quando si esegue un trust.

    Notizia comunque utile, personalmente non sapevo il perchè si formano queste bolle ed è sempre un avvertimento per chi pensa di risolvere tanti problemi fisici solo con qualche scrocchiata basando la riuscita della tecnica sul rumore articolare.

Scrivi un commento


scegli la scuola giusta per te

Le persone oneste e inteligenti difficilmente fanno una rivoluzione, perchè sono sempre in minoranza.
Aristotele

NEWSLETTER

Tutte le novità, le promozioni, news, aggiornamenti nella tua casella e-mail

Promozioni in corso

Guarda tutte le offerte