13 Utenti Online
Iscriviti alla newsletter

Tuttosteopatia.it è in rete con il sito francese e tedesco sull'osteopatia.
Non troverete la traduzione ma il collegamento al portale osteopathia-france.net e osteokompass.de

osteopathie france osteokompass
Carrello

Cerca

Forum | Chiedi all'osteopata

 
Regolamento " Registrati Ciao Ospite. Registrati per accedere a tutti i servizi

dolori al collo

Tags:
Aggiungi una risposta
AutoreMessaggio

Niky Rad

gentili dottori sono una donna di 31 anni da circa 5 soffro di tremendi dolori al collo tutto si è verificatotrovandomi in una posizione innaturale a causa di un violento colpo di tosse ho subito il raddrizzamento del collo all'epoca mi sotoposi ad un rx ed il referto recitava quanto segue all'epoca avevo 26 anni il referto è questo: xg .r. cervicalecompleto raddrizzamento con lieve inversione della fisiologica lordosi cervicale e possibile genesi andalgica xg spalle nei limiti della norma compatibili con l'età. una settimana fa ho eseguito un rm ed il risultato è il seguente: RMN  senza m.d.c.

sequenze:TSE T1w e TSE T2w sul piano sagitaleB-FFE T2wsul piano assiale

Referto scomparsa della fisiologica lordosi.

A livello dello spazio intersomatico C4-C5 si rivela un'ernia discale posteriore mediana e paramediana bilaterale.più estesa a destra che impronta l'immagine midollare. Modestissime protrusioni discali posteriori mediane a livello degli spazi intersomatici C5-C6 e C6-C7 Fenomeni di disidratazione dei dischi intersomatici nel tratto C2-C6. Normale volume e segnale degli altri dischi intersomaici esaminati, il midollo nel tratto esplorato presenta normale volume e segnale, canale vertebrale nel tratto esplorato di ampiezza regolare. questo è quanto la mia domanda è posso risolvere questo problema di ernia senza sottopormi asd intervento chirurgico? Posso risolvere questo problema di raddirzzamento del collo? Può il mio collo ritornare alla sua normale postura? Grazie infinite attendo con anzia una risposta

Pubblicato il 23 Ottobre 2010 alle 21:38 - Rispondi

Silvio Palazzo

salve

in risposta ai suoi quesiti , una perdita della normale fisiologica lordosi cervicale non puo'  essere  recuperata , anche se in riferimento  si fa presente che questa cervicale potrebbe  essere fisiologicamente rettilinizzata da prima del trauma raccontato ma ben compensata dal resto del suo corpo ( colonna , visceri ,arti sup. ed inf.) e mai diventata patologica

il raddrizzamento del collo a seguito del colpo di tosse potrebbe aver innescato un circuito muscolare tale da tendere in massima estensione i corpi vertebrali e bloccando gli  stessi , causando eventuali segni dolorosi in loco

per quanto riguarda l'ernia e le protrusioni , lei non ha fatto riferimento a segni clinici ovvero sintomi dolorosi quindi non capisco perche' pensi all'intervento chirurgico

prima di pensare all'estetica della colonna visionata  dagli esami diagnostici , si pensi alla funzionalita' del tratto in essere

io personalmente non penso che il trauma raccontato abbia potuto provocare inversioni di curva , ma che gia' era presente e che con il suddetto trauma si sia verificato un blocco funzionale muscolo scheletrico

provi a vedere la sua colonna, di solito ad inversione di curva cervicale si associa inversione di curva lombare o scoliosi

un osteopata potra' fornirgli mediante valutazione completa tutti i consigli su un eventuale piano di recupero

SILVIO PALAZZO  D.O.

Pubblicato il 25 Ottobre 2010 alle 09:45 - Rispondi

Marco Della Rossa

gentile sig.na RiKy

poichè immagino che la RMN le sia stata prescritta da un medico  facciia  valutare a tale specialista il referto dell'esame e gli  esponga i suoi dubbi e le sue domande.

 

chi meglio di un laureato in Medicina e Chirurgia può rispondere alle sue domande circa l'eventualità di un intervento CHIRURGICO  atto quest'ultimo di esclusiva pertineza medica nel nostro paese (cosi come l'effettuazione di una diagnosi, la prescrizione di una terapia...).

Pubblicato il 26 Ottobre 2010 alle 16:15 - Rispondi

Fabrizio Picciolo

Salve, concordo con il parere del mio collega per quanto concerne la rettilineizzazione del rachide cervicale. Questo fenomeno molto spesso è il risultato di un insulto traumatico come esiti di colpo di frusta che causa inevitabilmente un cambiamento della fisiologia della cerniera occipito-cervicale e cervico-dorsale accompagnato da un aumento del tono dei muscoli flessori del capo e del collo. E' evidente che le ripercussioni del trauma possano incidere nei centri di carico del capo e di conseguenza a livello del piano occlusale alterando lo schema posturale e innescando un circolo vizioso dal quale può risultare complicato uscirne. La cosa più importante, prima di prendere in considerazione l'ipotesi di un intervento chirurgico è l'assenza di sintomatologia irradiata agli arti superiori e dopo, una valutazione osteopatica per individuare l'origine dello squilibrio o dei fattori che impediscono o che ostacolano un equilibrio posturale e funzionale. Le discopatie o le ernie non sono altro che espressione di una alterazione della meccanica vertebrale capace di generare, nel tempo, importanti alterazioni del materiale discale. Quando la causa primaria è rimossa le discopatie non hanno più ragione di esistere o meglio di peggiorare. Ricapitolando le consiglio di andare da un bravo osteopata! Grazie per l'attenzione.  

Pubblicato il 28 Ottobre 2010 alle 13:27 - Rispondi

NEWSLETTER

Tutte le novità, le promozioni, news, aggiornamenti nella tua casella e-mail

Promozioni in corso

Guarda tutte le offerte