33 Utenti Online
Iscriviti alla newsletter

Tuttosteopatia.it è in rete con il sito francese e tedesco sull'osteopatia.
Non troverete la traduzione ma il collegamento al portale osteopathia-france.net e osteokompass.de

osteopathie france osteokompass
Carrello

Cerca

Corsi Torna al calendario

Osteopatia e coscienza (1° livello)


Organizzato da:

E.I.O.M. - European Institute for Osteopathic Medicine
via Fiorita, 3 - Cadoneghe (PD)


Rivolto a:

Osteopati

  • INFO CORSO
  • Programma |  
  • Downloads |  
  • Contatti |  
  • Mappe e percorso
Organizzatore
Andrea Ghedina D.O.
Data
14-15 ottobre 2010
Relatore
Andrea Ghedina D.O.
Sede
EIOM srl- Viale Roma, 59 35010 Massanzago (Padova)
Termine per l'iscrizione
30 settembre 2010

Corso post graduate per osteopati.

Il 2° livello del corso si terrà il 17 e 18 febbraio 2011.

PRESENTAZIONE CORSO

Il corso di osteopatia post graduate relativo al rapporto tra "Osteopatia e Coscienza", parte dai seguenti presupposti di base:
La struttura influenza la funzione (A. Still)
Questo assunto, base dell'osteopatia fin dalle origini, presenta delle chiavi di lettura a diversi livelli. Rispetto al tema trattato si può definire la struttura, ciò che dà il limite alle diverse funzioni. Limite che è sia funzionale che disfunzionale.
L'osteopata, agendo sulla struttura imposta una ricaduta sulla funzionalità dell'organismo. L’organismo in senso allargato può essere inteso come l’intera persona. 
La regola dell'arteria é suprema (A. Still) si trasforma in chiave attuale in:"la regolazione della fisiologia dei diversi liquidi corporei è fondamentale”.
Siamo costituiti dal 65% al 75% da liquidi. Ne consegue che il lavoro sui liquidi è inevitabile e fondamentale.Tra i diversi meccanismi atti a far funzionare i diversi comparti liquidi dell'organismo, il sistema cranio-sacrale attraverso l'MRP, rappresenta il comune denominatore di tutti i sistemi inerenti ai liquidi nell'organismo
L'MRP rappresenta iI piano di incontro tra la dimensione fisica e la dimensione metafisica. 
Oltre l'MRP in una direzione si esprime il piano fisico 
Oltre l'MRP in altre direzioni si esprimono i diversi piani metafisici 
La guarigione a livello fisico è legata ad una trasformazione dall'essere a lutti I livelli.
La finestra valutativa degli osteopati è focalizzata prevalentemente sul piano fisico e questo fa parte della struttura di questa professione.
La visione abbisogna tuttavia di un allargamento su piani diversi se crediamo di aver a che fare con una persona intera e non solo con il suo corpo.

Definizione di Coscienza
La coscienza presenta vari aspetti e spesso la si definisce mettendone in risalto l'uno o l'altro. "La Coscienza" scritto in grande pone al centro il tema dell'esistenza dell'uomo attraverso un punto focale, un luogo, che tenga conto sempre della molteplicità degli aspetti umani senza però frammentarli. La Coscienza è il luogo dell'essere da cui la manifestazione degli eventi è resa possibile.

Obiettivo del corso

L’osteopata dispone sempre del terreno di tutto il corpo fisico. Anche se, in alcune sedute, agisce in luoghi specifici e ben localizzati è suo compito sorvegliare e controllare la ricaduta che quell’azione specifica porta nella totalità del corpo del paziente.

Parlando di osteopatia e coscienza si fa un salto di qualità ulteriore rispetto a tutto l’essere umano.

L’osteopata dispone sempre del terreno di tutta la persona. Anche se, nelle sedute, agisce in luoghi specifici di essa, come il corpo fisico; è suo compito di provare a capire la ricaduta che quell’azione specifica porta nella totalità dell’individuo.
Il paziente ci da il permesso di lavorare su di lui attraverso il corpo che, però, non è altro che il luogo all’interno del quale abita tutto l’essere vivente. 
Così posso distinguere una fisicità da un’emotività, una mentalità da una spiritualità, e così via. 
Posso distinguerle ma mai separarle.
Come nel corpo fisico non posso separare un osso da un muscolo, o un viscere da un’arteria, ma ho la necessità di distinguerli. 
Così nell’essere umano completo, non posso separare i lati emozionali, da quelli fisici o mentali ma ho la necessità di distinguerli.
Eppure una certa abitudine culturale condiziona sia operatori che pazienti nel credere che le diverse parti dell’essere umano siano realmente divise tra loro. L’errore è sempre quello di credere che ciò che è distinto con delle precise caratteristiche, in realtà sia separato. 
La parola coscienza è la migliore che conosco per indicare ciò che accade in un essere vivente sia a livello conscio che inconscio. Utilizzandola assieme a parole quali fisica, emozionale, mentale ecc. serve per creare la distinzione del campo prevalente che stiamo osservando; sapendo che quel campo è sempre legato a tutti gli altri. 
Nelle persone, quando attraverso un intervento osteopatico hanno ricevuto un beneficio effettivo a livello fisico, sicuramente sono accadute cose anche negli altri livelli di coscienza. Sono accadute ma il soggetto può non avere la capacità di collegarle, oppure accadono ma rimangono a livello inconscio senza emergere in superficie per un certo tempo.
Il corso si propone di fornire strumenti allargati di valutazione del paziente, per collegare l’impatto terapeutico alla manifestazione della coscienza, che si esprime attraverso la persona.

Il corpo umano è il luogo in cui tutto questo si compie.

 

 

non sono presenti downloads

Telefono:049.9360359
Sito web: www.eiom.it
E-Mail: info@eiom.it
45.5547820|12.0284400|Sede del corso:
EIOM srl- Viale Roma, 59 35010 Massanzago (Padova)
vai alla mappa su Google Maps
scegli la scuola giusta per te

Noi creiamo il mondo che percepiamo, non perché non esiste realtà fuori dalla nostra mente, ma perché scegliamo e modifichiamo la realtà che vediamo in modo che si adegui alle nostre convinzioni sul mondo in cui viviamo.
Gregory Bateson