Cari colleghi e amici,
in questo editoriale dovrei parlarvi della situazione politica dell'Osteopatia e del contrasto che sta nascendo tra il direttivo del ROI che punta - come da mandato - al riconoscimento dell'Osteopatia come professione sanitaria autonoma, e alcuni direttori di scuole che giustamente sono molto preoccupati del destino delle loro aziende e della qualità della formazione, qualora questa fosse gestita dalle Università.
Molte sono le domande a cui tutti noi vorremmo delle risposte, e avremo la possibilità di porle direttamente al presidente del ROI, Paola Sciomachen, che abbiamo invitato in teleconferenza per un confronto diretto, lunedì 15 dicembre alle ore 21.

Scopri come partecipare alle teleconferenza: clicca qui.

Mi piace invece parlarvi di Osteopatia, quella che ci rende orgogliosi di essere osteopati.
E' partita una settimana fa il Corso annuale di Osteopatia e Neuroscienze al Meyer di Firenze, grazie al quale ho avuto l'occasione di conoscere da vicino lo stupefacente lavoro che stanno facendo Tommaso Ferroni (responsabile dell'ambulatorio di osteopatia in ospedale) e i nostri colleghi, a dimostrazione delle enormi possibilità che abbiamo di essere integrati nel SSN.
L'Osteopatia nell'ospedale pediatrico fiorentino Meyer è parte integrante della struttura e guadagna spazio giorno dopo giorno, limitata soltanto dalle risorse umane, e non certo per i risultati da essa ottenuti. L'impressione che ho avuto è che Tommaso, dopo anni di lavoro all'interno della struttura, non si renda più conto dell'importanza e del grande valore di ciò che fanno, sia per i bambini che per tutta l'Osteopatia. Lavorando in reparto ho potuto verificare gli enormi benefici che possiamo dare a questi bambini, molti dei quali reduci da interventi “importanti”, e anche come il lavoro osteopatico sia ben recepito e accolto dai genitori di questi piccoli pazienti.

Mi sento solo di dire GRAZIE al collega Tommaso, a Marco, Barbara, Florinda e tutti quei colleghi che lavorano in strutture sanitarie dimostrando sul campo, col proprio lavoro, cos'è l'Osteopatia, quella che vogliamo tutti noi, e certamente anche i direttori delle scuole.