Nuovo sito tuttosteopatia.it
2 utenti on line

Il portale italiano dell'osteopatia si propone di fornire informazioni sulla storia, i principi, i metodi e le tecniche osteopatiche (strutturale, craniosacrale, viscerale). Tuttosteopatia.it vuole essere di riferimento per tutti gli osteopati professionisti e gli studenti, offrire numerosi servizi all’osteopata che vuole essere sempre aggiornato e trovare in un unico sito libri di osteopatia, ossa didattiche, centri di formazione, news su corsi e convegni e tutto cio' che puo' essere utile all'esercizio della professione, e per i professionisti »»

 
 
TUTTO OSTEOPATIA
    ► Cos'è l'osteopatia
    ► Cosa cura
    ► Storia dell'Osteopatia
    ► Craniosacrale
    ► Professione-status giuridico
    ► Status giuridico
    ► Le interviste
    ► Anatomia
    ► Osteopatia e...
    ► Osteo complementary
    ► Newsletter
OSTEO SHOPPING
    ► Libreria
    ► Lettini per trattamenti
    ► Ossa e tavole didattiche
    ► Benessere
    ► Musica d'ambiente
    ► Articoli utili
PRO OSTEO
    ► News
    ► Corsi e Convegni
    ► Ricerca scientifica
    ► Tesi
    ► Osteo Magazine
    ► Blog
    ► Forum
    ► Sai Xchè?
    ► Curiosità e divertimento
    ► Annunci Cerco/Offro
 

 

 

 

Uomini del craniosacrale

William G. Sutherland

Cenni Biografici
William G. SutherlandWilliam Garner Sutherland
, terzo di quattro figli, nacque a Portage County (Wisconsin) il 27 marzo del 1873, in una modesta famiglia d’origine scozzese.
Il suo primo lavoro fu come reporter investigativo per un giornale locale del Wisconsin settentrionale, l’ Austin Daily Herald. Nel 1895, a causa di problemi di salute di un suo fratello, incontrò l’osteopatia e decise di iscriversi all’ American School of Osteopathy, (successivamente Kirksville College of Osteopathic Medicine ), scuola al tempo molto contestata in tutti gli ambienti della medicina ufficiale.

Il 28 giugno del 1900, all’età di 25 anni, si laureò all’ASO distinguendosi come uno degli studenti più brillanti del Dott. A.T Still, e già durante il corso dei suoi studi ebbe le prime intuizioni sulla mobilità delle ossa del cranio per giungere poi, grazie alle sue ricerche durate  una vita, ad estendere i principi osteopatici allo studio del cranio e porre le basi per lo sviluppo dell’osteopatia craniale.

"L'idea nacque osservando le ossa di un cranio umano presente nell’A. T. Still Infirmary. Le superfici articolari di queste ossa mi sembrarono, con il loro contorno, destinate ad una mobilità articolare."¹

Ma, come disse bene Lionelle Issartel:
"l'idea malsana ritornava ad ossessionarlo e decise, per mettersi l’anima in pace, di mettere alla prova ciò che gli avevano insegnato, cioè che a parte la mandibola, tutte le ossa del cranio sono statiche".²


da Vinci's Seat of the Soul (…)Fu allora che G. Sutherland iniziò con la punta di temperino a disarticolare i crani, e il suo approccio paziente, meticoloso, approfondito, si rivelò di notevole importanza. Sutherland stupefatto, fu capace di dimostrare la mobilità delle ossa del cranio, e con un manuale di meccanica in mano, iniziò ad analizzare precisamente ogni osso, ogni superficie, ogni sutura e incastro tra le ossa”.³

(..)“Ossessionato dalla sua scoperta, tenne solo per lui e per numerosi anni il frutto delle sue ricerche. Cominciò a studiare e a verificare su se stesso le possibili conseguenze di una lesione osteopatica. Provò con diversi metodi, e i risultati ottenuti dalle sue esperienze, lesioni scomparse grazie ad autotrattamenti basati su forti conoscenze anatomiche e sue abilità tecniche, lo convinsero che poteva iniziare senza rischio a trattare anche il suo pazienti”.4


Nel settembre 1929 Sutherland sentì che era giunto il momento di condividere la sua scoperta con tutto l’ambiente osteopatico, e approfittando di una riunione della zona del Minnesota presentò il concetto craniale, che per meglio definire aveva dedicato venti anni della sua vita.
Ma malgrado il suo duro e lungo lavoro di ricerca, il concetto craniale  venne in quella circostanza in gran parte ignorato dai professionisti del suo campo.

Sutherland fu caparbio, e provò a far arrivare il suo messaggio scrivendo un articolo per il Journal of Osteopathy, che purtroppo decise di non pubblicare.
Finalmente nel luglio del 1931 il suo primo articolo intitolato "Skull motion” comparì nel Northeast Bulletin, e venne poi seguito da una serie di altri articoli come per esempio  "Cranial membranous strains" pubblicato nel dicembre dello stesso anno sul Western Osteopathic.
Da quel momento in poi una serie di eventi favorevoli si susseguirono.
L'interesse per il concetto craniale elaborato e difeso da Sutherland fu crescente, e nel corso dell'estate del 1932 fu invitato ad esporre le sue idee alla Convenzione Nazionale dell’American Osteopathic Association a Detroit.

La sfera craniale- Nel 1939, (dieci anni dopo la sua prima conferenza senza eco) pubblicò il suo primo libro, The Cranial Bowl;

- Nel 1940, ebbe l'autorizzazione a condurre due settimane di corso al Polyclinic and Post-graduate College di Denver;

- Nel 1942, in occasione della Convenzione Nazionale di Chicago molti membri dell’ AOA gli chiesero informazioni sulle sue idee. E in seguito venne anche costituita una commissione di lavoro che incaricò il Dr. Howard e Rebecca Lippincott di preparare un Manuale di tecniche craniali;

- Nel 1943, venne fondato il primo gruppo di studi sull'osteopatia cranica;

- L'anno successivo il Collegio d'osteopatia di Moines organizzò una serie di corsi post-universitari sull'argomento.

- Nel luglio 1946, il dott. Raleigh fondò l’ Osteopathic Cranial Association che successivamente, nel 1960, si chiamerà Cranial Academy.

- Nel 1951, Harold Ives Magoun pubblicò la bibbia degli osteopati: Osteopathy in the Cranial Field, il lavoro di riferimento per gli osteopati che si avvicinano al trattamento osteopatico craniale.

- Nel 1953, Sutherland vede nascere il Sutherland Cranial Teaching Fondation che si proporrà come obiettivo di condurre studi scientifici sul meccanismo respiratorio primario.

Sutherland morì il 23 settembre 1954, all’età di 84 anni, lasciando un contributo inestimabile nell’ambito osteopatico e della ricerca in genere.

 

Nessuno sogna di ciò che non lo riguarda.
(Hermann Hesse)

   
  hai acquistato
0 articoli, € 0,00
» Come inizia la vita umana
Blachschmitd Erich
» La vita in movimento
Rollin E. Becker
» Evidence-Based manual Medicine
M- Seffinger - R. Hruby
» Manuale di release miofasciale
Carol J. Manheim
» Ostéopathie et sport
Jean-Marie Bastide - Eric Perraux
» Traité pratique d’ostéopathie mécaniste chez le chien et le cheval
Fabrice Fosse - Natacha Gimenez
» Le opere di Viola M. Frymann.
Viola M. Frymann
» Osteopatia in ambito craniale
Magoun Harold Ives
» L’os, un élément de diagnostic
Marie-Odile Fessenmeyer
» Test ortopedici e neurologici
Cipriano J.J
» Un approccio osteopatico per i bambini
Carreiro Jane E.
» Risonanza magnetica dell’apparato locomotore
Kaplan, Helms, Dussault, Anderson, Major
   
» Le parole sono finestre [oppure muri]
Rosenberg Marshall B.
» Gli ormoni sessuali e la dieta
Anna D'Eugenio
» le vaccinazioni pediatriche
Roberto Gava
» Parlare pace
Rosenberg Marshall B.
» Io mi Svezzo da Solo
Lucio Piermarini
» Attacco all'Asma... e non solo - Nuova Edizione 2008
Ferraro Fiamma
» Storie d'amore
Hellinger Bert
» Nella Quiete e nella Gratitudine
Hellinger Bert
» Felicità Condivisa nelle Costellazioni Familiari
Hellinger Bert
» Il Viaggio Interiore
Hellinger Bert
   
  Nome Cognome
  Password
 
 
Auto-Login
 
 
Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere, ogni mese, la newsletter
Copyright © 2004 - Tuttosteopatia.it - Tutti i diritti riservati - Power by Mercurio s.a.s. - P.I. 04738310723 - Note legali- Privacy - Pubblicità - Ultimo Agg. 01/01/1970