ARGOMENTIARGOMENTI

Osteopatia in Gravidanza

Pavimento pelvico

di

Descrizione

Le patologie del pavimento pelvico coinvolgono più realtà disciplinari in quanto coinvolgono più strutture all'interno della pelvi, che adempiono a funzioni diverse, principalmente gli organi del pavimento pelvico hanno due funzioni: quella di trattenere e di espellere. I principali sintomi delle patologie del pavimento pelvico sono un senso di pesantezza dell'ano/retto o anche della vagina, in aggiunta a un'incapacità a evacuare o urinare oppure a contenere. A tali sintomi si possono aggiungere poi dei disturbi nella sfera sessuale, come ad esempio una dispareunia, cioè dolore durante i rapporti per la donna, e sanguinamenti, in corrispondenza dell'organo all'esterno.

La gravidanza, il parto e la menopausa, ancorché eventi fisiologici, rappresentano nella donna momenti particolari di rischio per il perineo. In questo ambito specifico è molto importante una educazione-rieducazione perineale che le permetta di esercitare l’importante ruolo che le compete nella gestione della prevenzione, cura e riabilitazione del pavimento pelvico femminile, in ciò supportata al bisogno da diverse figure presenti in un team interprofessionale che vede sicuramente l'ostetrica.

Cos'è il pavimento pelvico e cosa fa

Il pavimento pelvico è una struttura muscolare, molto complessa, sia dal punto di vista anatomico che da quello funzionale.
Le strutture muscolo-fascio-connettivali del pavimento pelvico chiudono in basso il bacino, costituendo così il fondo della cavità addomino-pelvica, sul quale poggiano la vescica, l’utero e il sistema anorettale. Le stesse fibre muscolari si inseriscono anteriormente a livello del nucleo fibroso centrale, centralmente alle strutture ossee del cingolo pelvico, posteriormente al rafe ano-coccigeo. La regione centrale del perineo è il fulcro dinamico per il sostegno delle pareti vaginali, della regione cervico-trigonale e dell’utero, mentre il sistema di sospensione della vagina e della cervice viene garantito dai legamenti cardinali e da quelli utero-sacrali.

Più nello specifico il pavimento pelvico riveste queste funzioni:
• esercita sostegno e supporto degli organi pelvici (vescica, utero e sistema anorettale)
• garantisce la continenza urinaria e fecale
• interagisce nel meccanismo della defecazione
• contribuisce alla statica pelvica mantenendo in sede gli organi pelvici
• garantisce la qualità della vita sessuale partecipando attivamente alla fase motoria dell’orgasmo
• collabora in sinergia con il muscolo diaframma, durante la respirazione supporta l’utero, la vescica e il retto contrastando attivamente le pressioni endoaddominali
• contribuisce attivamente sia nel corso di travaglio di parto che durante il passaggio del feto nel canale molle (vagina)
• contribuisce in sinergia con il bacino, con i muscoli addominali e con la muscolatura della colonna vertebrale a mantenere un equilibrio stabile del corpo durante i movimenti e le attività quotidiane
• somatizza problemi e disagi psicologici, sessuali e relazionali interagendo con la sfera intima ed emotiva.

Articoli scientifici

Cerca un osteopata

Trova un professionista nella tua città

Copyright © 2004 - Tuttosteopatia.it Tutti i diritti riservati
Powered by Eter s.r.l. unipersonale P.I. 07180680725
Tuttosteopatia, testata giornalistica reg. n. 10/12 – Registro dei giornali e periodici - Tribunale di Trani del 30 maggio 2012