L'opera esprime la forza e il carisma della dottoressa Viola Frymann nel tracciare una linea di continuità dalla nascita dell'osteopatia alla sua evoluzione, fino ai giorni nostri.