ARGOMENTIARGOMENTI

Studio dell'osteopata Simone Bagatti a Scandiano

Via 2 Agosto 1980, 4/1, Arceto, RE, Italia

Parcheggio

ampio parcheggio davanti allo studio

Stazione più vicina

Scandiano
Avevo 21 anni e anche se non è passato tanto tempo (ci tengo a specificarlo), l'osteopatia non era diffusa come lo è ora, almeno dalle mie parti. Me ne aveva parlato un imbianchino da cui lavoravo in estate per arrotondare un po', a sentir lui faceva miracoli. Mi ricordo che mi disse: " prima andavo da un intonacatore a farmi raddrizzare, poi ho scoperto l'osteopatia e da quando è successo sto da Dio". Ai tempi frequentavo il secondo anno di fisioterapia e pensai che l'intonacatore avrebbe fatto meglio a occuparsi dei muri e che a fare meglio di lui si faceva presto... In quel periodo mia sorella soffriva di forti emicranie, una volta al mese le venivano questi attacchi di mal di testa così forti che non riusciva più a fare niente. Diverse volte siamo dovuti andarla a prenderla a lavorare perché non era in grado di guidare. Le passava solo con un farmaco specifico che la faceva dormire mezza giornata, ma rimaneva intontita un'altra giornata buona. Così un giorno decise di fare una visita dall'osteopata di Reggio dal quale andava l'imbianchino. Io in un misto di curiosità e scetticismo ero deciso ad accompagnarla. Questo signore dopo averla intervistata le fece togliere i pantaloni e la maglietta e una volta in piedi le disse che aveva un problema sul bacino e uno sul diaframma, poi si mise a palpare il cranio. A quel punto iniziai a tempestarlo di domande: Perché il cranio dovrebbe muoversi? Cosa centra il mal di testa col diaframma? E col bacino? E lui mi fece riflettere sull’anatomia che avevo studiato: che il cranio era formato da diverse ossa articolate tra di loro, che all’interno le meningi rivestivano il cervello e li midollo spinale e si andavano a inserire sull’osso sacro, che nei fori del diaframma ci passavano l’esofago e diversi nervi che nascono dalla zona cervicale e che una tensione in queste aree (anche se distanti) poteva influenzare il cranio e quindi contribuire al mal di testa. Più domande gli facevo, più risposte lui mi dava, con un sorriso sotto i baffi di chi si è chiesto le stesse cose a suo tempo. Le emicranie di mia sorella si attenuarono parecchio, imparò degli esercizi di respirazione diaframmatica che le davano un grosso aiuto e i giorni immediatamente successivi mi disse che non si era mai sentita così leggera. Quindi se oggi sono qui a provare a fare l’osteopata, lo devo al mio amico imbianchino che tra una spennellata e l’altra mi parlava del mio futuro mestiere, a mia sorella e ai suoi mal di testa che ha voluto provare una strada alternativa e al mitico Dottor Torrisi e alla sua pazienza coi ragazzi curiosi.
Scuola frequentataCIO - Collegio Italiano di Osteopatia
Anno diploma2016
Titolo tesiIpotesi di trattamento osteopatico in pazienti con grave cerebrolesione acquisita, affetti da crisi neurovegetative. Studio Pilota
AssociazioneROI
Tessera3237
Curriculum Vitae Scarica il CV

Esegue trattamenti anche su

Bambini

Donne in gravidanza

Anziani

Sportivi

Copyright © 2004 - Tuttosteopatia.it Tutti i diritti riservati
Power by Eter s.r.l. unipersonale P.I. 07180680725
Tuttosteopatia, testata giornalistica reg. n. 10/12 – Registro dei giornali e periodici - Tribunale di Trani del 30 maggio 2012